Tutti i Santi: 1° Novembre perché si festeggia?

Tutti i Santi: 1° Novembre perché si festeggia?

Il giorno di tutti i Santi cade il 1° di novembre di ogni anno.

Segnata sul calendario come festività Cristiana, è nota anche come Ognissanti e celebra la gloria e l’onore di tutti i santi.

Nel calendario liturgico della Chiesa,cattolica e ortodossa, è chiamata Solennità di Ognissanti.

La Solennità di tutti i santi, nella quale si celebra la gloria e l’onore di tutti i santi, anche quelli non canonizzati, precede il giorno della Commemorazione dei defunti, il 2 novembre.

Di fatto il 1° novembre è una festa di precetto, secondo il cui Codice di diritto canonico i fedeli sono tenuti a partecipare alla Messa.

Breve Storia

Storicamente la commemorazione dei martiri veniva celebrata già nel IV secolo.

Le prime testimonianze di tale celebrazione sono attestate da Antiochia, città della Turchia sita sulle rive del fiume Oronte.

Nelle Chiese orientali si celebrava, e preservata fino ad oggi, la domenica successiva alla Pentecoste.

Nella Chiesa cattolica era il 13 maggio, quando cadeva l’anniversario della trasformazione del Pantheon in chiesa dedicata alla Vergine e a tutti i martiri.

In seguito fu Papa Gregorio III a scegliere la data del 1° novembre in onore all’anniversario della consacrazione della cappella a San Pietro alle reliquie di tutti santi.

In questo giorno infatti si commemorano i santi apostoli e tutti i santi, martiri e confessori, e tutti i giusti resi perfetti che riposano in pace in tutto il mondo.

Oggi il 1° novembre, Ognissanti, è celebrata non solo per i santi ma anche per i defunti e, per i quali, nel giorno successivo si ricordano allo stesso modo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *