Poesia di Umberto Saba: Donna

Poesia di Umberto Saba: Donna

In questa poesia Umberto Saba ricorda la giovinezza della donna da lui amata.

Il ricordo verso di lei è un modo di pensare tenero, anche per i segni del tempo presenti e incisi sul suo volto.

Il poeta, entrato in una nuova condizione esistenziale quale la vecchiaia, vede le cose da un altro punto di vista.

La fanciulla e la donna segnata dal tempo, e di cui non ha più paura.

[su_note note_color=”#e3fcf8″ text_color=”#0c0c09″]

Donna

Quand’eri giovinetta pungevi
come una mora di macchia.

Anche il piede t’era un’arma,
o selvaggia.

Eri difficile a prendere.

Ancora giovane,
ancora sei bella.

I segni degli anni,
quelli del dolore,
legano l’anime nostre,
una ne fanno.

E dietro i capelli nerissimi
che avvolgono alle mie dita,
più non temo il piccolo
bianco puntuto orecchio demoniaco.

[/su_note]

[irp posts=”1795″ name=”Umberto Saba”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *